ULTIMI POST PUBBLICATI

LIVE TRACKING : 26/7, 2017 (DALLE 0830)

LIVE TRACKING : 26/7, 2017 (DALLE 0830)
CLICCA PER ACCEDERE

venerdì 22 luglio 2016

Cactus Chronicles: mtb con gpm sul Monte Sparavieri (22/7, 2016)

Bookmark and Share

Uscita mtb in Lessinia in compagnia di Ale, che ci ha visto pedalare costantemente sopra i 1000 mt di quota e con due gpm sopra i 1700 mt ossia i 1766 mt del Monte Tomba e i 1797 mt del Monte Sparavieri.
Ale mi viene a prendere in macchina ad ora di pranzo e ad Erbezzo parcheggiamo e  partiamo con le nostre mtb.
Breve tratto in bitume per andare ad agganciare lo sterrato subito in salita che ci condurrà a Contrada Scandole e quindi iniziare la sempre bella ed impegnativa salita del Baito dei Pastori.

Saliamo con buon ritmo, di poco distanziati e ci dirigiamo sempre in salita verso Contrada Masetto

e poco dopo, zigzagando tra le mucche,

arriviamo a Bocca di Selva e a seguire prendiamo la Translessinia in direzione del gpm del Monte Tomba

Discesa sui prati verso Passo del Branchetto e quindi San Giorgio, dove prendiamo la salita in direzione del secondo gpm.

Poche le persone in giro in un giorno feriale e così la Lessinia è ancora più bella.
Ale propone il gpm sul Monte Sparavieri (prima foto del post) e così sarà.

Superata la sbarra e spinto la mtb per qualche decina di metri per aggirare una decina di mucche e centinaia di boasse,  rimontiamo in sella raggiungendo un non facile gpm.
Discesa su prato per andare ad agganciare lo sterrato presso Malga Gasparine di Dietro e andiamo a riagganciare la Translessinia.
A seguire Malga Lessinia, Bivio del Piocio, svolta in direzione di Malga Tommasona e a seguire Contrada Arnezzo, raggiunta facendo un bel trail nel bosco.

Sarà la volta di Malga Maso, Contrada Sale e riagganciamo il bitume che pochi chilometri dopo ci riporterà ad Erbezzo.

Chiudiamo il giro con 42 km abbondanti  e 1400 mt+ (e spiccioli metri) di ascesa.

Ottime sensazioni e cardio con 141 bpm di media e 171 di max.

Giornata non calda, anzi è stato necessario indossare lo smanicato nelle discese, in quanto tra cielo nuvoloso e vento fresco, sembrava ci fosse il climatizzatore acceso.
Bel giro, tra salite impegnative e panorami sempre affascinanti.
See ya!

Nessun commento:

Posta un commento