ULTIMI POST PUBBLICATI

LIVE TRACKING : 26/7, 2017 (DALLE 0830)

LIVE TRACKING : 26/7, 2017 (DALLE 0830)
CLICCA PER ACCEDERE

venerdì 6 maggio 2016

Cactus Chronicles: storie di bdc, ginocchio e gps (6/5, 2016)

Bookmark and Share

Un'uscita bdc che vive di emozioni, dolci e salate, quelle che poi rendono ogni uscita una storia a sé. Mercoledì salgo le scale di corsa, inconsciamente e senza pensarci, da buon Mona doc. 
Sento un leggero bruciore al ginocchio dx - quello operato il 4/3 - che tempo un paio di ore si gonfia. 
Mea Culpa.
A casa inizio terapia del ghiaccio. 
La situazione  migliora ma non torno alla situazione precedente. 
L'indomani messaggio l'ortopedico che mi ha operato (ciclista anche lui) che mi dice: "niente farmaci, solo ghiaccio e pedala. Ci aggiorniamo tra 600/700 km".
La fiducia nello specialista è la prima cosa che devi avere, quindi obbedisco.
Nel primo pomeriggio di oggi, prendo la bdc per un giro.
Luca (P) ha un impegno, sarà uscita solitaria. 
In cantina, trovo la ruota sgonfia parecchio, strano. 
Controllo, non è bucata ma questi segnali non mi piacciono.
Tempo di partire e nel mezzo della galleria in sampietrini di via Nazario Sauro, su una buca salta in aria il gps.
Giornata fortunata o sfortunata?
Forse fortunata...trovo i pezzi saltati e le batterie, attendendo tra una macchina e l'altra.
Lo rimonto e funziona tutto, bene.
Tempo di arrivare su Lungadige Attiraglio e si comincia a prendere una velocità decente.
Vado bene, i bpm sono bassi, il ginocchio è leggermente gonfio sulla dx ma nessun problema.
Verona, Chievo, ciclabile Biffis.
Morale, arrivo ad inizio salita di Rivoli come un missile, sempre nell'ambito prestazionale personale.
Barrettina, scendo giù alla Croce di Gaium e preso dalla curiosità vado a vedere la chiesetta di San Michele
in Gaium (XIII sec.), vista sempre dalla statale e mai da vicino.

Si trova a qualche centinaio di metri dalla croce ed è raggiungibile via un breve e fattibile sterrato finale.

Foto al volo e riprendo a pedalare arrivando a Verona.

Chiudo con 60 km e 290 mt+.
Chiudo i primi 1000 km a due mesi dall'operazione al ginocchio, non avrei mai sperato tanto.

Un cardio che oggi mi ha restituito valori che testimoniano una forma che sta tornando, seppure in ritardo oramai rispetto alla stagione, ma o così o pomì.
See ya!

Nessun commento:

Posta un commento