ULTIMI POST PUBBLICATI

LIVE TRACKING : 26/7, 2017 (DALLE 0830)

LIVE TRACKING : 26/7, 2017 (DALLE 0830)
CLICCA PER ACCEDERE

martedì 4 febbraio 2014

Running ovvero... l'importanza del fondo lento

Bookmark and Share




Il punto di partenza per un corretto allenamento è l'individuazione della velocità del nostro fondo lento, cioè quell'andatura che, con un minimo di allenamento, si riesce a mantenere da 30 minuti sino a 2 ore di corsa. Una volta identificata questa velocità si possono poi individuare tutte le altre velocità di allenamento, da quella del fondo medio e fondo veloce, a quelle delle prove ripetute sul km e sui 500 metri.  La conoscenza dei propri ritmi teorici  è importante per capire che tipo di lavoro stiamo facendo al fine di evitare di fare un lavoro troppo o poco impegnativo per le nostre qualità.Ecco una tabella dei cinque principali ritmi di allenamento. Si parte dal più lento (7'/km per un neofita alle prime armi) sino a 3'30''/km, cioè il ritmo di corsa lenta di alcuni maratoneti top.


(sintesi di un articolo di Rondelli)

Tenuto conto che le distanze che a me interessano sono i 3000 mt e i 10.000 mt., attualmente la proiezione dell'attuale tempo sul km mi restituisce in teoria quanto segue:


La settimana prossima farò un altro test sui 3000 mt cercando di chiudere sotto i 15'.
Keep in touch!

Nessun commento:

Posta un commento