ULTIMI POST PUBBLICATI

LIVE TRACKING IL: 23/6/2017 (1300-1800)

LIVE TRACKING IL: 23/6/2017 (1300-1800)
CLICCA PER ACCEDERE

venerdì 20 novembre 2015

Misty mtb on the Northern hills (20/11, 2015)

Bookmark and Share

Uscita mtb sedici ore dopo le ultime due iniezioni di acido ialuronico alle ginocchia, in quel di Borgo Trento, ieri sera alle 2130. 
Ginocchia in buone condizioni, visita di controllo ortopedica a primavera. 
Ora si tratta di continuare a pedalare senza esagerare con lunghezza e difficoltà, lavorando in crescendo.
E' con uno spirito desideroso solo di far girare le gambe, che prendo la mtb nel primo pomeriggio, con un mezzo appuntamento con Ale, che deve terminare un lavoro a Contrada Pelosi, in Lessinia e venire a Verona.
Meteo uggioso, chiamatelo pure di stampo belga se volete, con nuvole basse che dopo qualche ora in mtb ti regalano un senso di bagnato.
Parto in direzione Montorio e Pian, lungo la salita in bitume, prendendo i tagli su sterrato. 
Sono attento alle sensazioni del ginocchio dx ma in realtà sento il punto in cui sono entrati gli aghi ieri sera che danno un po noia ma forse è solo psicologico e non reale.
Sarà ma sento come se avessi due lividi...che però non ci sono.

Poco dopo il Pian faccio una deviazione nel bosco per vedere un sentiero che scende giù ma a metà torno indietro e decido di arrivare in fondo in un'altra uscita.
Ale chiama e concordiamo di trovarci alla fontana di Castagnè.
Dal Pian a salire ci sono 20 mt di visibilità e arrivato a Castagnè mi fermo ad aspettare.
L'attesa dura poco perchè dopo 5' comincio a sentire freddo quindi richiamo Ale e gli dico che io inizio a salire con calma lungo la salita prima in bitume poi sterrata che porta a Caiò e di raggiungermi percorso durante.
La nebbia da fastidio in città e sul bitume ma nel bosco c'è un'atmosfera quasi magica.
Ale mi raggiunge nel bosco sul tratto finale della salita più impegnativa, dove in cima mi fermo ad aspettarlo avendo sentito il rumore delle sue ruote sulle foglie e pietre.

Proseguiamo insieme per buona parte del giro.
Arriviamo a Caiò e deviamo verso ovest prendendo lo sterrato che ci porta al cimitero di Trezzolano e quindi, dopo breve tratto in bitume, prendiamo gli sterrati di una vecchia Legend (che noi facciamo in senso contrario) via le contrade Perara e Bollette.

Andiamo a prendere lo sterrato e poi il single che ci porta a fare la prima parte della discesa delle Cantine Baltieri e quindi deviamo a dx per prendere un single

che ci farà agganciare la discesa denominata Albys (dal nome dei due Alberto che l'hanno tracciata) che ci fa arrivare a Villa Piatti.
Discesa che con il bagnato in alcuni punti è da fare con attenzione, con rocce umide che invitano alla scivolata ma che comunque svanghiamo senza patemi, bypassando il salto e prendendo la comoda chicken lane.
Da Villa Piatti prendiamo per Mizzole e prendiamo la salita ex Legend che porta al Pian ma dopo le prime rampe sento un leggero fastidio al ginocchio dx per cui decido di tornare indietro. 
Discesa e quindi andiamo a Montorio e riprendiamo la salita su bitume in direzione Castagnè, dove Ale ha la macchina.

Al Pian ci salutiamo ed io prendo gli sterrati di una vecchia Legend via ex galoppatoio, che mi riportano a Montorio e quindi Verona.

Chiudo con 43 km e 961 mt.

Cardio con un bpm medio di 135 e max di 164.
I dati confermano che non mi sono tirato il collo.

Ora vediamo il meteo, possibile un'uscita insieme a Luca (P) domenica mattina.
Il ginocchio dx pare in buone condizioni e l'infiammazione pare essere oramai alle spalle.
See ya!

3 commenti:

  1. Ciao scusa la precisazione ma il nome alla Albys è stato dato a maggio non dalle TDM in occasione della enduro Day in Val Squaranto in onore dei due Alberti che hanno scovato, e aperto il sentiero (Deanesi e io).
    Ora dopo l evento di domenica scorsa Squarantday vol.2 il sentiero è stato modificato rispetto all originale e si prende dal asfalto della strada provinciale circa 20-30 metri a sinistra del capitello in direzione Vr.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Scialla e grazie della precisazione. Ho provveduto a correggere il post.
      Noi abbiamo sicuramente fatto la variante. Riguardo il salto, no grazie, sono un cicloalpinista non un endurista e su un salto due anni fa ho dato un clavicola :D
      Comunque bravo, bel lavoro. Buona mtb ;)

      Elimina
  2. Dimenticavo traccia scaricabile su Strava o Lessintrack!
    Ps: peccato non abbiate fatto il salto perché ci ho perso parecchio tempo per costruirlo bene!
    Ciao!

    RispondiElimina